mercoledì, Ottobre 20, 2021
More

    Volker Stinnes è il nuovo amministratore delegato di Land of Fashion

    Volker Stinnes è il nuovo amministratore delegato di Land of Fashion, la compagnia di Momi da 18 milioni di visitatori l'anno!

    Il brand di outlet Villages di Franciacorta, Valdichiana, Puglia, Mantova e Palmanova ha un nuovo amministratore delegato.
    Sarà Volker Stinnes alla guida di Land of Fashion, un marchio che oggi rappresenta un vero e proprio vanto del panorama italiano, in Italia e in tutto il mondo.

    Sudamericano d’origine, Stinnes non è certo nuovo a ruoli così importanti. Nel suo bagaglio vanta, infatti, una pluriennale esperienza a livello internazionale in compagnie del calibro di Unilever e Sony. È stato inoltre CFO e responsabile per l’espansione e vendita di Napapijri, brand della VF Corporation. Negli ultimi anni si è occupato di sviluppare, in qualità di business director per Bicester Village Shopping Collection, l’area premium & luxury.

    Adesso Stinnes approda in Land of Fashion e ne abbraccia valori e filosofia con l’obiettivo di sviluppare ulteriormente proprio quell’area premium e luxury del brand, fatta di shopping di qualità e una customer experience unica nel suo genere, pensata non solo per il singolo acquirente ma anche per l’area territoriale in cui il village è collocato: una vera eccellenza Made in Italy.

    Outlet Village di Land of Fashion


    “Con entusiasmo metto a disposizione le mie competenze per riunire brand premium e luxury all’interno di destinazioni altamente distintive affinchè l’esperienza vissuta nei nostri Villages dagli oltre 17 milioni di visitatori vada oltre lo shopping e si configuri come un vero e proprio villaggio alla scoperta dello stile italiano, di quei piccoli gioielli racchiusi in una terra unica chiamata Italia”.
    Così ha commentato Stinnes che, a partire dalle prime settimane del 2020 (il suo ruolo è effettivo da gennaio di quest’anno) è già riuscito a “apportare alcuni miglioramenti all’esperienza offerta” all’utente. “Questo – ha continuato – è stato possibile grazie al supporto della proprietà che da sempre è attivamente impegnata nella valorizzazione degli asset e ci affianca nello sviluppo di questa strategia guest centric. Intendiamo costruire relazioni a lungo termine con i nostri brand, così che possano trovare in noi un vero e proprio partner affidabile in grado di attivare sinergie vincenti e durature nel tempo”.

    Land of Fashion, una sfida italiana

    Outlet Village di Land of Fashion

    Land of Fashion è oggi un vero e proprio fiore all’occhiello del panorama italiano. Con oltre 150 mila metri quadri dislocati in ben cinque territori tra il nord e il sud del Paese, il brand vanta un portfolio da fare invidia a tutti.
    Con una potenza di quasi 18 milioni di visitatori l’anno e un obiettivo di crescita per il 2020 del 5/7 per cento, è sicuramente una delle realtà in crescita del nostro Paese che pone proprio il territorio al centro del suo sistema valoriale e della sua comunicazione.
    I cinque outlet (Franciacorta, Palmanova, Mantova, Valdichiana e Puglia) sono posizionati, infatti, in località dal forte impatto culturale a voler rimarcare l’attenzione al territorio e all’italianità del brand.
    La compagnia, infatti, fa capo a Momi, che sta per Multi Outlet Management Italy, una società italiana di Multi, una multinazionale Olandese che nel suo portfolio conta ben 100 outlet e centri commerciali.

    Altri articoli

    Shopping sostenibile, la moda si fa “green”

    La tendenza 2020 in fatto di moda? Senza ombra di dubbio la sostenibilità! Ecco alcuni consigli per uno shopping etico

    UOMO, TUTTE LE TENDENZE MODA DOPO PITTI E MFW

    UOMO, TUTTE LE TENDENZE MODA DOPO PITTI E MFW

    Armocromia: cos’è e come scoprire la tua stagione

    Cos'è l'armocromia e come scoprire a quale stagione apparteniamo? Ecco qualche piccolo consiglio per avere una palette perfetta!

    Capelli ricci 2020: i trend secondo la Fashion Week

    Tendenze capelli 2020: i ricci tornano di moda alla Fashion WeekLe sfilate meneghine prima e quelle parigine dopo...